L’energia per le piccole isole: tra rinnovabili e progetti per efficienza

 

Un decreto Mise per promuovere soluzioni tecnologiche pulite e efficienti per distribuire energia alle piccole isole non connesse alla rete.
I progetti della Ricerca di Sistema

Di un salto delle piccole isole italiane verso l’efficienza energetica e le fonti rinnovabili si parla da oltre 30 anni e i numeri mostrano impietosamente gli scarsi risultati di tanti studi e di tante proposte. Il decreto Mise dello scorso febbraio prova ad affrontare questo problema, puntando ambiziosamente a trasformare 20 isole cosiddette “minori” in laboratori a cielo aperto per soluzioni energetiche pulite e sostenibili, anche da un punto di vista economico. Il nuovo focus di RES Magazine parte da questa iniziativa governativa per presentare anche alcuni progetti della Ricerca di Sistema che hanno analizzato le criticità della produzione e distribuzione di energia nelle piccole isole.

“Produrre energia – spiega Gianni Silvestrini, direttore scientifico del Kyoto Club – nelle isole non collegate alla rete nazionale costa ovviamente di più e finora il differenziale di prezzo aveva incentivato sistemi tecnologicamente arretrati e con un forte impatto ambientale. I produttori locali venivano pagati a piè di lista senza correttivi legati alla qualità ambientale dell’elettricità generata. Quindi non avevano interesse né a risparmiare né a utilizzare fonti rinnovabili”.

Partendo da questo scenario, l’Enea ha realizzato un’analisi su 12 isole per immaginare un retrofit cogenerativo (produzione di energia e recupero di calore) delle centrali a diesel oggi presenti. Una soluzione praticabile in quasi tutte le isole analizzate che, se coadiuvata da un investimento pubblico, può portare a un rientro dell’investimento in massimo 25 anni e a un risparmio di energia primaria dell’ordine del 20%.

In prospettiva, un mix di fonti rinnovabili può essere senza dubbio vincente: “Il ricorso a un mix di fonti rinnovabili consente di coprire una quota maggiore della domanda energetica – sottolinea Elisabetta Garofalo, del Dipartimento Sviluppo Sostenibile e Fonti Energetiche di RSE – grazie alla complementarietà,soprattutto stagionale,della fonte eolica e della fonte solare, che garantisceuna maggiore continuità nella produzione di elettricità da FER.

Promosso dalla Cassa per i Servizi Energetici e Ambientali (CSEA), RES Magazine è un punto di riferimento per informare cittadini, tecnici e operatori circa i risultati della Ricerca di Sistema (RdS) finanziata mediante il pagamento in bolletta della componente tariffaria A5. www.resmagazine.it

 

Lascia un Commento

*Name

e-Mail * (will not be published)

Sito web