campagna fotografica

La buona terra

Tre fotografi e un giornalista hanno percorso l’Italia per ottenere le immagini di questa campagna contro lo sfruttamento di chi lavora la terra e contro il caporalato. Dietro a tutto COOP, la grande realtà etica dell’alimentazione in Italia. Il risultato, una mostra che ha percorso l’Italia, passando per la Camera dei Deputati e i maggiori appuntamenti del food e non solo, per approdare poi nei punti vendita.


#legalità #consumosostenibile


La lotta al caporalato parte (anche) da chi compra la produzione alimentare. A partire da questo, le Coop hanno avviato nel 2017 un processo di controlli stringenti sui loro fornitori, nei campi di tutta Italia. Chi non sta alle regole, chi utilizza lavoratori in nero, sottopagati, chi sfrutta il lavoro insomma, alla fine va fuori. Ma il bello è che non ci sono solo quelli che fanno i furbi. E proprio per raccontare il lavoro in chiaro, i diritti rispettati Coop ha voluto la grande campagna di sensibilizzazione e consapevolezza che abbiamo chiamato La buona terra.

La mostra fotografica con i ritratti dei lavoratori e degli imprenditori che stano dalla parte giusta, assieme alle videointerviste con testimonianze di prima mano, ha fatto il giro d’Italia, partendo da Terra Madre a Torino e passando – solo per citare la tappa più istituzionale - per la Camera dei Deputati, dove è stata aperta dalla Presidente della Camera Boldrini. Noi c’eravamo, e ne siamo contenti.

Silverback ha curato:

- ideazione contenuti
- coordinamento agenzia fotografica
- produzioni materiali
- segreteria organizzativa
- ufficio stampa

foto di Andrea Micheli - Photoaid